_instagram _instagram arrow-back arrow-back arrow-down arrow-down arrow-left arrow-left arrow-map arrow-map arrow-right arrow-right arrow arrow back back check check close close download download facebook facebook fax fax fb fb filter filter google plus google plus home home instagram instagram invia invia language language lens lens mail mail map map marker marker orologio orologio plane plane play play plus plus sad sad site site star star tel tel tend tend train train tripadvisor tripadvisor tw tw twitter twitter whatsapp whatsapp wifi-a-pagamento wifi-a-pagamento world world youtube youtube
Home Attività Prodotti della Tradizione

Prodotti della Tradizione

La tradizione antica dei prodotti tipici delle tavole veronesi

Se per i frutti della terra il territorio veneto è il marchio di qualità e di genuinità dei prodotti raccolti, spesso tutelati da marchi e consorzi, i prodotti tipici vivono di commistioni. Nelle tavole del Veneto i sapori ritornano e si mescolano, ma ci sono dei gusti e delle tradizioni che riescono comunque a legarsi indissolubilmente alle terre veronesi.

Nel 2003 la soppressa vicentina ha ricevuto la denominazione D.O.P., tuttavia anche Verona ha la sua tipica soppressa veronese. Viene festeggiata ogni anno a Brenton di Roncà, a metà strada tra Verona e Vicenza, quasi a dire che tra i due litiganti il terzo gode!

La soppressa di Verona è un insaccato di maiale le cui prime produzioni risalgono al 1200: la carne di maiale, generalmente le parti nobili, viene tritata in maniera grossolana e unita a grasso, aglio e spezie per poi essere lasciata a stagionare almeno cinque mesi.

La tradizione antica – ma anche i palati moderni! – la vedeva accompagnata a qualche fetta di polenta abbrustolita sulla brace così che il calore potesse sciogliere e sprigionare tutto il sapore e i profumi del grasso e delle spezie. La polenta era un cibo povero che tuttavia è rimasto ‘caro’ alle cucine delle famiglie venete e oggi accompagna anche prelibatezze come il cotechino o il baccalà alla vicentina.

Tutelato dal 1987 dalla ‘Venerabile Confraternita del baccalà alla vicentina’, Sandrigo, a pochi chilometri da Vicenza, ne è la patria ma Verona lo ha felicemente adottato tra le sue tavole. Senza dimenticare che Verona, insieme a Padova e Vicenza, è provincia di produzione del Prosciutto veneto Berico-Euganeo, D.O.P. dal 1996. Garantito dal marchio con il leone, il prosciutto veneto ha un gusto molto delicato e dolce per il ridotto quantitativo di sale utilizzato in fase di salatura. Le ricette della tradizione lo abbinano ad altri due prodotti tipici del veronese: il radicchio e il riso vialone nano.

Ci sono poi prodotti le cui storie restano vive grazie ad intere comunità che ogni anno ne festeggiano la tradizione. L’evento storico più pittoresco di Verona è il carnevale e soprattutto il Bacanàl del Gnoco, il venerdì grasso. Oltre a carri, feste, maschere e divertimenti, dal 1531 in questo venerdì Verona elegge in Piazza San Zeno il suo papà del gnoco. Tanti barbuti pretendenti al titolo, agghindati con abiti barocchi, un mantello rosso e uno scettro a forma di forchettone con infilzato uno gnocco, sfilano regalando caramelle ai più piccoli e gnocchi conditi con burro e formaggio o pomodoro ai più grandi.

E il vino scorre, scorre, scorre come durante la festa del ‘nodo d’amore’, ovvero del tortellino di Valeggio. A giugno da più di venti anni, sul Ponte Visconteo di Borghetto, vicino a Valeggio sul Mincio, si celebra la storia d’amore tra un capitano e una ninfa del fiume il cui simbolo la leggenda vuole fosse un fazzoletto di seta dorata annodato.
Ma sono secoli ormai che le massaie ‘filano’ la loro seta mescolando farina e uova. La sfoglia dei tortellini è tirata sottilissima e riempita di carni miste cotte con odori, spezie e vino. La rievocazione sembra un banchetto medievale a tutti gli effetti: quasi un chilometro di tavola imbandita, più di mezzo milione di tortellini fatti a mano e litri di vino Lugana D.O.C. a scorrere. Nelle case e nei ristoranti i tortellini di Valeggio sono spesso serviti in brodo.

Poi il bollito è accompagnato dalla mostarda della vicina Vicenza o dalla locale pearà, una salsa a base di burro, midollo, Grana, pan grattato e pepe a cui il Comune di Verona ha riconosciuto la De.Co., la denominazione comunale come ricetta e prodotto tradizionale.
Maggiori info
Visita il sito
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per fornire i servizi richiesti dagli utenti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Info copyright ed esclusione di responsabilità Info cookies